Cerca il tuo alloggio
Nome

Località

Tipologia

San Rocco

La chiesetta di San Rocco si affaccia sul torrente San Leonardo , dal lato del quartiere Perrera , lungo una delle strade che dal borgo portava ai mulini. Di lì domina a mezza costa il quartiere e la valle.

Pur se la tradizione dice eretta subito dopo la morte del Santo avvenuta nel 1327, tra le date più certe se ne conoscono due: la prima è un consumato 1516 ritrovato su una capriata della volta crollata (accanto questa data c'era anche un 1776 ricollegabile a qualche restauro), mentre il 1586 era riportato su un affresco, andato distrutto, presente sulla parete destra che mostrava Sant'Ippolito a cavallo. Ma se nella visita del 1542 di Monsignor Platamone non se ne fa menzione la data 1516 pare poco credibile, a favore forse un più probabile 1576 (i numeri 1 e 7 si possono confondere se consumati dal tempo) data che ci sembra più plausibile. A partire dal 1590 la chiesa fu ricovero temporaneo dei Minori Riformati che erano impegnati nella costruzione del convento di Santa Maria del Gesù ; questi dicevano qui Messa e alloggiavano in una serie di casette limitrofe utilizzate come ricovero dei sacerdoti anziani. Fu molto danneggiata dal terremoto del 1693, ma non crollò e per tale motivo i muri furono rafforzati con controbastioni.

La chiesa presenta una semplice facciata caratterizzata da un portale sormontato da un arco semi circolare a cui segue un finestrone con pilastrini di protezione. Arricchisce il frontone superiormente una statuetta di San Rocco. Nel piccolo campanile un'unica piccola campana. Quando la chiesa di Santa Maria la Stella fu dismessa qui fu trasferito il suo culto. Una statua di San Rocco (secondo altri San Lio), realizzata in pietra, un tempo esistente nella chiesa ed andata perduta, veniva tirata fuori in caso di siccità per propiziare la pioggia.

L'interno è ad unica navata con cinque altari di cui il maggiore con sfondo a cassettoni; sulla parete a destra dell'altare c'era un affresco, datato 1586, raffigurante Sant'Ippolito a cavallo. Tra le altre opere un quadro della Sacra Famiglia sul primo altare a sinistra, mentre sull'altare maggiore era presente un quadro, di cui oggi non rimane traccia, raffigurante San Rocco con l'angelo che gli cura la gamba dalle piaghe. Sui due altari di destra si trovavano un Immacolata ed un Crocifisso. Al fianco del primo altare di destra vi era un quadretto con iscrizione sul lato inferiore in caratteri gotici; c'erano inoltre due icone, una del Santo e l'altra rappresentante Santa Maria di Trapani.
La Vallata di Santa Domenica

La vallata di santa domenica ripresa dall'alto in una soleggiata domenica di ottobre! un tempo gli abitanti della Ibla fortificata, uscendo da porta valter, andavano proprio lì a prendere l'acqua!

Ragusa con Montalbano

Giorno 22 e 29 Febbraio due nuovi episodi del Commissario Montalbano, la cui produzione è terminata in agosto 2015, saranno trasmessi in TV.

Ragusa. Ibla, Scicli e tutto il territorio Ragusano di nuovo in scena!

 

 

No_page Pagina 1/23 Next