Cerca il tuo alloggio
Nome

Località

Tipologia

San Giacomo Apostolo

Quasi al centro del Giardino Ibleo si può ammirare oggi la chiesa di San Giacomo Apostolo che nasce a partire dal XIII secolo e si arricchisce delle spoglie della chiesa di San Teodoro crollata con il terremoto del 1693.

Nel XIII secolo con l'avvento dei Chiaramonte si ebbe un incremento delle costruzioni religiose a Ibla, per questo, probabilmente fra il 1283 ed il 1392 sorgeva questa chiesa (l'aquila aragonese sopra l'altare maggiore starebbe ad indicare quel periodo). Alla chiesa fu associata una Confraternita con compito di curare il servizio alle funzioni.

E' fra le chiese visitate dal Monsignor Platamone nel 1542. A quei tempi era a tre navate, ma il terremoto ibleo la rovinava così come la limitrofa chiesa di San Teodoro tanto che si decideva di ricostruirne una sola ad unica navata e ricavare la sacrestia dalla seconda che veniva cancellata. Già dai primi anni del dopo terremoto si iniziano i lavori e nei primi del settecento si provvede alla copertura lignea.

Nel 1770 per le valenti opere prestate il vescovo di Siracusa promuoveva la Confraternita in Arciconfraternita.

La facciata attuale è un'ulteriore ricostruzione visto che nel 1901 la precedente era andata distrutta. Su disegni dell'ingegner Giuseppe Pinelli i lavori furono completati da Antonio Ingallina nel marzo 1902. L'originale presentava quindici mensoloni riccamente scolpiti (da alcuni giudicati cinquecenteschi e di scuola gagginesca) che essendo posizionati sul prospetto al secondo ordine dovevano servire a reggere le gallerie laterali non più realizzate dopo il terremoto e quindi tolti nell'ultimo restauro.

Oggi la facciata si presenta suddivisa in tre ordini: quello inferiore con ingresso principale fra due colonnine con capitelli corinzi, il secondo con una finestra con lunetta da cui prende luce l'interno, l'ultimo con il campanile circondato da una balaustra interrotta da una scultura con San Giorgio Cavaliere fiancheggiato da due statue rappresentanti S. Anna e Maria SS. Bambina a destra e San Giovanni Evangelista a sinistra.

Due le campane: una, la più grande, recante i nomi dei procuratori della chiesa risale al 1703; sulla piccola la data è illeggibile.

All'interno, nell'unica navata, ben undici altari (cinque per lato) di cui tre, nell'area della cappella maggiore, riccamente decorati da Giuseppe Calvo nel 1888. La luce è assicurata da modeste finestre rettangolari poste fra un cornicione e quello che resta di un controsoffitto ligneo.

Entrando a destra sopra il primo altare c'è un quadro dedicato a San Cristoforo che lo rappresenta sia da giovane che da vecchio, con il Bambino sulle spalle, opera del 1720 del reverendo don Filippo De Stefano da Ferla; sul secondo altare un quadro che rappresenta la Morte del giusto attribuibile a don Giuseppe Pugliarello da Siracusa. Segue un confessionale con pulpito mentre il terzo altare è adornato da una tela dedicata alla Madonna della Luce opera di Ignazio Scacco del 1719; segue, infine, l'ultimo altare laterale che contiene un quadro con San Giovanni Evangelista dello stesso autore.

Nell'area absidale si osservano tre altari: quello destro presenta un quadro della Madonna che appare a San Francesco di Paola dipinto da don Giuseppe Pugliarello da Siracusa nel 1719, a cui si affianca un piccolo gruppo statuario con Dio padre circondato dagli angeli. A sinistra, invece, fra colonne dorate che reggono un tempietto ad arco spezzato in cui troneggia il Dio Padre circondato dagli angeli il Crocifisso fra la Maddalena e l'Addolorata. Sull'altare maggiore un'aquila aragonese scolpita in pietra asfaltica e in una nicchia la bella statua di San Giacomo (di autore ignoto, recuperata intatta dopo il terremoto ed oggi in una teca) con mantello a fiori dorati su sfondo rosso e blu. In basso una recente urna con Cristo deposto.

Procedendo ora verso l'uscita un primo altare con quadro di San Sebastiano con Madonna e Bambino a cui segue un altro altare con un quadro raffigurante San Giacomo che combatte contro i Mori, realizzato a due mani da Vincenzo Fazello e Ignazio Scacco nel 1682 con rifacimenti del 1708. Il penultimo altare contiene una Madonna del Piliero (da Pilar, dalla tradizionale apparizione mariana predetta dall'Apostolo su una colonna in terra spagnola) con Gloria e Cherubini opera del reverendo De Stefano. Conclude un ultimo altare con quadro dedicato a Sant'Ignazio.

Il soffitto ligneo fu decorato forse da Matteo Battaglia nel 1754 e indorato da Giovanni Cannì nel 1786; essendo fortemente danneggiato durante i restauri del 1902 fu parzialmente ricomposto. Il catino riproduce una finta cupola (lavoro simile a quello osservabile sia a Santa Maria del Gesù che a Santa Maria dello Spasimo) con disegnate finestre semicircolari; al centro una SS. Trinità e Maria Santissima Coronata, con intorno putti alati e foglie, mentre agli angoli sono i Quattro Evangelisti. Tre tele, che erano collocate in riquadri del soffitto ligneo, riproducevano scene della vita di Cristo (Natività, i re Magi e la Fuga in Egitto); le opere erano di Simone Ventura su disegni di un Frate Ginepro per incaricato avuto nella prima metà del settecento, ma sono andate perdute nonostante il restauro che era stato approntato nel 1939 da Francesco Flaccavento.

Di grande effetto il pulpito collocato su un confessionale, opera in stile neogotico realizzato dallo scultore ragusano del legno Nunzio Lissandrello nel 1888. L'organo, sulla parte opposta, datato 1885 è opera di Casimiro Alleri.

In sacrestia oltre ad un altare di pietra scolpita del 1724 si trova una lastra in pietra pece molto antica con la Madonna della Luce analoga a quell'edicola sacra presente sul lato destro della chiesa (sul muro della sacrestia) opera del pittore ragusano Lo Presti del 1892 (la tradizione proviene dalla preesistente chiesa di San Teodoro sembra edificata sul tempio pagano dedicato alla dea Lucina). Una leggenda dice che se si tenta di spostarla si scatenano terremoti.

Sempre accanto alla parete destra esterna sono allocate due statue provenienti da altre chiese dismesse: sono una Sant'Anna che tiene in braccio la Madonna bambina proveniente dalla chiesa di Santa Maria dei Miracoli e un San Giovanni Evangelista.

Nel periodo pasquale la chiesa e il presbiterio sono ripieni di ceri per i caratteristici "Sepolcri" che le conferiscono un'atmosfera altamente suggestiva.
La Vallata di Santa Domenica

La vallata di santa domenica ripresa dall'alto in una soleggiata domenica di ottobre! un tempo gli abitanti della Ibla fortificata, uscendo da porta valter, andavano proprio lì a prendere l'acqua!

Ragusa con Montalbano

Giorno 22 e 29 Febbraio due nuovi episodi del Commissario Montalbano, la cui produzione è terminata in agosto 2015, saranno trasmessi in TV.

Ragusa. Ibla, Scicli e tutto il territorio Ragusano di nuovo in scena!

 

 

No_page Pagina 1/23 Next